Mars Colony: Prima le persone

Mars Colony
Il 1° dicembre 2017, Tim C. Koppang, l’autore di Mars Colony, cominciò a pubblicare una serie di dodici principi da seguire nel suo gioco. Sono un elenco di buone pratiche di cui, per ora, sfortunatamente, ne sono state pubblicate soltanto otto.

Come chi mi segue sa bene, io sono un grande fan di Mars Colony; per cui, col benestare di Tim e con l’aiuto nella revisione di Antonio Amato, sono lieto di presentarvi la traduzione in italiano del primo dei dodici principi di gioco di Mars Colony.

Prima le persone

Non cominciate a fare la solita telecronaca politica; pensate, semplicemente, a creare una storia che parli delle persone. Ovviamente, le persone vivono in un determinato contesto politico e respirano una determinata atmosfera politica, ma se non giocherete con l’idea del “prima le persone” come se fosse la vostra stella polare, quella che creerete sarà solo l’ennesima storia che parla di una politica astratta, sterilmente intrappolata in una camera dell’eco. Nessuno vuole che questo accada e, al di là di tutto, non sarebbe neanche interessante da giocare.

Invece, quando vi mettete a giocare concentrandovi sul raccontare una storia personale che parla di Kelly e delle persone che le stanno vicine, o magari che le si mettono contro, allora tutta la politica che emergerà dal sistema del gioco vi sembrerà quasi prendere vita e avrete l’impressione che ci sia davvero qualcosa di importante in gioco. E, forse questa è la cosa più importante di tutte, quella politica vi sorprenderà, ed è proprio lì che si annida il potenziale di questo gioco.

Testo di Tim C. Koppang. Traduzione di Daniele Di Rubbo. Revisione di Antonio Amato.

Link

Commenti