Minirecensione di On Mighty Thews

On Mighty Thews è un gioco di ruolo che si ripropone di ricreare quelle storie di genere sword & sorcery che sono state rese tanto famose dai racconti e dai romanzi di Robert Howard, Fritz Leiber e Michael Moorcock. Esplorerete mondi oscuri e dal passato antico, nei quali la magia è una conoscenza posseduta solo da pochi che padroneggiano i segreti arcani presenti nell’anima stessa nel mondo, e nei quali la parola di un uomo non regge il confronto col freddo acciaio della spada.

Questo gioco prevede una figura di GM e ci potrete giocare con un minimo di 2 amici, GM a parte. Le sessioni tendono a dipanarsi in maniera episodica, con uno schema in cui la sessione e l’avventura tendono a coincidere, per cui il risultato finale sarà una specie di “raccolta di racconti” con protagonisti i nostri eroi. Rende molto bene anche su sessione singola.

Come gioco è molto “giocattoloso”: avrete schede semplici, ma piene di tratti coloriti ed evocativi; i dadi utilizzati sono di diverse taglie, dal d4 al d20; la gestione dell’avventura da parte del GM è molto semplice e basata su un’improvvisazione facilitata dalle regole. L’apporto dei giocatori, tramite i propri personaggi, è costante e determinante per la riuscita di una bella partita.