Wolfenblot: Della creazione dei Re Stregoni

Nell’aggiornamento di Wolfenblot di oggi parleremo degli oscuri dominatori della terra di Oblivia, di coloro che un tempo furono i fidi servitori del Re Demone: i Re Stregoni.

Come sempre, prima di andare avanti a leggere, vi consiglio di mettere su questa colonna sonora:

Il Re Demone strappò via le anime dai suoi lacchè e lasciò i loro corpi come dei gusci vuoti a calpestare la terra nera e marcia di Oblivia. Prese il suo potere, lo fuse e lo riversò in quei corpi, ripagando con quella moneta sonante coloro che, un tempo morali, lo avevano servito bene durante la guerra contro i Signori Imperituri. Ed essi divennero potenti e intoccabili per i comuni mortali, e furono chiamati Re Stregoni. 
Si sparsero per le terre di Oblivia, e la divisero in baronie e principati. La loro stregoneria oscura li legava alla terra e, però, la loro meschinità li portava a continue e insensate guerre per rubare gli uni il potere degli altri.

Nel frattempo, il Re Demone era sparito da questo mondo e nessuno di loro seppe più trovarlo. I più sapienti e maliziosi tra i Re Stregoni sostenevano che egli fosse sparito per metterli alla prova e che un giorno sarebbe tornato per incoronare l’unico tra di essi che fosse sopravvissuto a questa guerra eterna come suo unico luogotenente e legittimo erede sulla terra, ripagandolo con un grande potere, poiché fu detto che il Re Demone è, sì, crudele e spietato, ma certamente anche generoso.
Re Stregone © Adrian Luchian