Polaris @Cremona – 3ª sessione

© 2009 Tazio Bettin
Ho aperto una discussione su “Gente che Gioca” nella quale parlo della mia seconda sessione di Polaris: Tragedia cavalleresca all’estremo Nord.

Per chi se li fosse persisu Google+ avevo già parlato di alcuni highlights di questa sessione:
L’actual play della seconda sessione è scritto; ora devo solo correggerlo e postarlo. Intanto stasera abbiamo giocato la terza sessione. Stiamo prendendo sempre di più la mano con le scene e con i conflitti: abbiamo giocato tre giri di scene, per un totale di nove scene, che non è per niente male. 
Sono successe un sacco di cose fighe:
  • Adhara ha tentato di recuperare Alrischa, la donna più bella delle Vestigia, dalla quale è amata, ma è stata presa di sorpresa da un uomo con poteri di stregoneria demoniaca che le ha detto che, solo se gli avesse consegnato la testa di Zuben El Shemali, il suo nuovo mentore, avrebbe potuto riabbracciare Alrischa. In preda all’odio per il demone, Adhara lo ha strozzato a mani nude, dopo che lui le aveva tolto la spada di suo padre con uno scatto fulmineo.
  • Aquarius ha subìto un secondo processo nel quale è riuscito a ribaltare le sue sorti. Ora non è più esule ed è stato reintegrato appieno nei Cavalieri dell’Ordine delle Stelle. Inoltre, il suo più grande rivale, Hamal, è stato condannato a sua volta all’esilio per aver testimoniato il falso contro Aquarius.
  • Naos ha incontrato El Nasl, un cavaliere caduto, per acquisire una pozione di cura per la sua amata Aludra. Una volta incontrato El Nasl, ha però scoperto che egli altri non è che Alioth, il suo vecchio mentore, traditore dei Cavalieri. Confuso dalle sue parole, anziché ucciderlo, si è inginocchiato ai suoi piedi, chiedendogli il da farsi e accettando in dono l’unico siero che può salvare Aludra.
La terza è stata la mia scena preferita della serata (io sono l’Errore di Naos). E ne sentirete delle belle, se seguirete le nostre avventure. ;-)