Capitolo XVII

(21.34.05) Ardal O'Riley: Sembro tranquillizzato dalla risposta di Karl: "Si, va bene, ma chi è?"
(21.34.54) Ardal O'Riley: Poi, guardo il tedescone e Corvin: "E voi come state? Come ve la siete passata?"
(21.35.07) Ardal O'Riley: In particolare l'aspetto di Corvin non è rassicurante.
(21.35.17) Darc Storyteller: "La ragazza di tuo padre..." dice Karen senza esitare.
(21.35.44) Darc Storyteller: "Ma è stato molto tempo fa..." aggiunge dopo.
(21.36.01) Ardal O'Riley: "Complimenti al papà", dico, un po' ironicamente. [Se non erro Karen è carina.]
(21.36.02) Karl Steiner: "La ragazza di tuo padre esatt.... come !?!" chiedo voltandomi osservandola un po' spaesato
(21.36.21) Ardal O'Riley: "Già, come? Sono curioso anche io di sapere questa storia..."
(21.36.33) Darc Storyteller: Corvin è paralizzato a guardare Rosa. Le corre incontro e la abbraccia.
(21.37.19) Ardal O'Riley: Noto la parentesi familiare di Corvin: "Ragazzi, a quanto pare è tutta una cosa di famiglia la nostra". L'atteggiamento non è neanche troppo ironico.
(21.37.43) Darc Storyteller: "Stavamo insieme prima che diventassi ciò che sono...poi sono scomparso dalla sua vita per ovvie ragioni..." dice con amarezza e un pizzico di stizza.
(21.37.51) Darc Storyteller: [intendo Karen]
(21.38.16) Darc Storyteller: [scomparsa, ovvio ;)]
(21.38.17) Karl Steiner: mi gratto la testa mentre tento di rimettere tutti i tasselli al loro posto prima di guardare Ardal "Beh non sapevo che facessi parte della mia famiglia ultimamente"
(21.38.52) Ardal O'Riley: Mi rivolgo a Karen, con un briciolo di comprensione: "Capisco. Non dev'essere stata una scelta facile. E' per questo che mi aiustasti, là alla palestra, vero?"
(21.39.38) Darc Storyteller: "Sì...somigli molto a tuo padre sai..." dice stavolta con gratitudine.
(21.39.53) Ardal O'Riley: Mi giro di scatto verso Karl, gli faccio un occhiolino e lo abbraccio, dicendo ironicamente: "Siamo tutti fratelli".
(21.40.28) Ardal O'Riley: Poi mi rigiro verso Karen, un po' pensieroso, come se avessi riacquistato la serietà: "E' vero, non ci avevo mai pensato, sai?"
(21.40.32) Karl Steiner: "In vena di crisi religiose Ardal ?" gli dò una pacchetta sulle spalle molto imbarazzato
(21.40.43) Darc Storyteller: "almeno spiritualmente sembra..." aggiunge annuendo Ayame
(21.40.45) Karl Steiner: osservo poi Corvin
(21.41.08) Darc Storyteller: Rosa esita a contraccambiare l'abbraccio forte e un po' disperato di Corvin.
(21.41.36) Ardal O'Riley: Concludo con Karen: "Forse è vero che i padri finiscono per rivivere nei figli, come si dice nelle grandi leggende".
(21.42.22) Darc Storyteller: "Il sangue non mente come si dice fra noi." dice ironica Karen.
(21.42.27) Ardal O'Riley: [Ah, già, che io ho una spada in mano: devo stare attento a come mi muovo, se no infilzo qualcuno.]
(21.43.27) Ardal O'Riley: Alla battuta di Karen, un po' mi sento a disagio: "Beh, sì, anche se non so esattamente come funzioni tra voi; ma ci terrei a tenere il mio sangue al suo posto".
(21.43.46) Darc Storyteller: "Un bel quadretto ma abbiamo da prendere a calci della gente" dice Rosa ancora abbracciata a Corvin. Corvin la lascia subito andare mettendosi sull'attenti.
(21.44.26) Karl Steiner: "Questo è vero" dico mentre mi riprendo un poco dall'imbarazzo di prima "Ho un conto in sospeso con una certa persona" dico facendo il vago ma guardando Corvin e Karen
(21.44.49) Ardal O'Riley: Nel momento di tenerezza, mi avvicino un poco ad Ayame e le lascio un abbraccio: potrebbe essere uno degli ultimi momenti che passiamo insieme.
(21.45.17) Ardal O'Riley: Poi rimango incuriosito dalle parole di Karl: "Ti stai riferendo a Marlene, la vampira molto incazzosa?"
(21.45.47) Darc Storyteller: Corvin annuisce alle parole di Ardal
(21.46.05) Karl Steiner: faccio un cenno d'assenso mentre ridivento serio "Meglio andare ora, o non ci sarà più tempo per discutere... a dopo convenevoli e pacche sulle spalle"
(21.46.39) Ardal O'Riley: Deglutisco al segno di Corvin. "E' una dura, quella. C'è solo un problema: si chiama Jodie".
(21.46.59) Ardal O'Riley: "Jodie Blake" rettifico, come James Bond nei suoi celebri film.
(21.48.09) Ardal O'Riley: "Abbiamo tentato in ogni modo di aiutarla e lei è sempre stata refrattaria; ma proprio non so persuadermi che in lei non ci sia più del buono. Altrimenti perché lasciarvi vivi?"
(21.48.11) Karl Steiner: "Jodie è manipolata da una persona, Marlene prima di andarsene sperando di farci crepare tutti quanti in una segreta ha detto che è coadiuvata da un qualcuno per poter effettuare gli incantesimi"
(21.48.31) Ardal O'Riley: "Bene, ora si spiega tutto..."
(21.48.57) Karl Steiner: [ma non rammento il nome]
(21.49.19) Ardal O'Riley: "Così abbiamo un nuovo nemico. Chissà chi è?"
(21.49.52) Darc Storyteller: De Medici interrompe. "Jodie è la compagna spirituale di Karl, lo ksirifai."
(21.50.12) Darc Storyteller: "Sono legati e destinati a incontrarsi sempre."
(21.50.46) Ardal O'Riley: Sgrano gli occhi: "Eh!" Poi mi avvicino a Karl e gli do una gomitata: "Ebbravo il nostro mago: se la fa con due, se la fa" scherzo.
(21.50.48) Karl Steiner: osservo l'armatura ambulante
(21.50.49) Darc Storyteller: "ancora con questa storia..." Rosa si interrompe prima che De Medici la rimproveri.
(21.51.25) Karl Steiner: sentendo le gomitate di Ardal scuoto il capo "E' meglio andare, se c'è il modo per fermare Jodie senza farle del male lo preferirei" corruccio la fronte
(21.52.25) Ardal O'Riley: "Va bene" dico a Karl, preparandomi a seguirlo. Poi soggiungo: "Com'è che ti fai chiamare, adesso? 'Ksiriché'? Un nome un po' più semplice no?" sto ancora scherzando.
(21.52.50) Darc Storyteller: "Tu sei la sua apprendista, Rosa. E sei sempre stata gelosa. E' forse per questo che ti sei creata un figlio da lui? Lei invece doveva essere la sua sposa." Spiega De Medici Rosa malcela un certo rancore.
(21.53.18) Karl Steiner: scuoto il capo poi sento l'armatura e lo osservo un po' sconcertato "C... cosa ?"
(21.53.41) Ardal O'Riley: Mi fermo di scatto: "Ah, già, Karl, mi sono dimenticato di dirti che in tua assenza ho scoperto che Corvin è tuo figlio"
(21.54.17) Darc Storyteller: "Io credo nel libero arbitrio e nel forgiare il proprio destino, vecchio...Andiamo!" Rosa sale le scale aprendo la strada con passo veloce.
(21.54.28) Ardal O'Riley: "Lo so che sembra strano, ma a quanto pare hai perso la verginità che eri ancora in fasce" poi mi giro verso Ayame: "Altro che maschio latino, questi tedeschi ci danno dentro come conigli".
(21.54.41) Darc Storyteller: Corvin guarda Karl sorpreso.
(21.55.15) Ardal O'Riley: Quando Rosa ci tira su dalle scale rompo l'atmosfera giocosa, do la mano ad Ayame e seguo la maga tecnocratica.
(21.55.48) Karl Steiner: osservo sconcertato Corvin , Rosa, l'armatura e gli altri per poi guardare Corvin "Mio... figlio ?! Ma ... non è possibile io..." la voce è sconcertata non spaventata ma dubbiosa, meravigliata
(21.55.56) Ardal O'Riley: Forse è tempo che i giochi finiscano e si cominci a fare sul serio. La vita è stata per Ardal una palestra per prepararsi a eventi come questo.
(21.55.58) Karl Steiner: seguo gli altri dopo poco ancora sconcertato
(21.57.49) Darc Storyteller: Ayame stringe con trasporto Ardal e poi gli tiene la mano salendo le scale con lui.
(21.58.36) Karl Steiner: [osservo anche Corvin con occhi diversi, sempre un poco scettico ma con occhi diversi]
(21.58.50) Darc Storyteller: Rosa sgomina la resistenza facilmente a colpi di lanciafiamme creato dalla mano. un effetto coincidentale magico che ha a che fare con la sfera di Forces.
(21.59.13) Ardal O'Riley: Mentre salgo le scale guardo i riflessi che la luce produce sulla spada che ho recentemente (ri)acquistato grazie all'opera di De Medici. Nella mia mente si profilano dei dubbi: 'Chissà se saprò come usarla quando si profilerà il momento giusto?'
(21.59.38) Darc Storyteller: Rosa non mostra pietà ne fa discriminazioni contro chi le si oppone.
(22.00.12) Darc Storyteller: sembra una vera e propria macchiana da guerra
(22.00.26) Ardal O'Riley: Dopo la scena in casa di Connie, non mi scandalizzo più, anche se mi dispiace per la fine senza senso di questa gente.
(22.00.33) Darc Storyteller: [macchina]
(22.00.35) Karl Steiner: seguo il gruppo osservando Rosa mentre sparge il fuoco purificatore sui corpi dei vampiri rimanendo turbato dalla sua freddezza e incuranza nello spezzare vite sebbene misere
(22.01.22) Darc Storyteller: La resistenza non è numerosa ma è bene armata
(22.01.47) Darc Storyteller: Rosa fa da scudo e incassa i colpi di arma senza battere ciglio.
(22.02.27) Darc Storyteller: Sembra molto icura di sè e osservandola non sfugge che sta godendo del suo potere.
(22.02.58) Karl Steiner: osservandola mi sento sempre più turbato dal suo comportamento, una macchina studiata solo per combattere e distruggere che prova goduria dal proprio potere non può portare nulla di buono
(22.03.00) Ardal O'Riley: Proprio non capisco tanto sfoggio di potere.
(22.04.09) Darc Storyteller: Arrivate facilmente in cima al palazzo e Rosa spalanca con un violentissimo calcio degno di un film d'azione la porta sul tetto.
(22.05.14) Karl Steiner: mi preparo ad affrontare qualsiasi cosa si celi all'interno osservando la sala appena vi entriamo
(22.05.38) Darc Storyteller: "Ho sempre sentito un certo attaccamento verso di te. Ora forse so perché." Dice Corvin poco prima di seguire Rosa a Karl
(22.07.14) Ardal O'Riley: Lacio lentamente e dolcemente la mano di Ayame, quasi ad accarezzarla nel lasciarla. Poi sollevo la spada all'altezza della mia faccia e guardo olre con un occhio a fare capolino. Quasi un rituale di mistica concentrazione.
(22.11.02) Darc Storyteller: Il tetto è molto spazioso ed ha una pista per elicotteri ora trasformato in un elaborato circolo magico scritto con polveri dorate e gesso, candele in diversi punti chiave. Sono presenti un numero elevato di donne ammantate di bianco e incappucciate intorno al circolo. Jodie e un uomo mascherato sono al centro del circolo. Marlene osserva subito Karl mentre sta in ginocchio davanti a jodie.
(22.11.17) Darc Storyteller: Marlene fa una smorfia di fastidio.
(22.11.40) Darc Storyteller: Jodie sorride calma e sicura di sè, per nulla sorpresa.
(22.12.28) Darc Storyteller: L'uomo mascherato indossa un cappuccio con una maschera veneziana e un completo in giacca e cravatta costosi.
(22.12.58) Karl Steiner: "glücklich, mich wieder zu sehen?" dico in direzione di Marlene con tono poco rassicurante a bassa voce per poi focalizzarmi sull'uomo mascherato e sul circolo di donne in bianco e su Jodie chiudendo leggermente gli occhi in segno di sfida
(22.14.06) Ardal O'Riley: Guardo la scena con un solo occhio, come Odino, oltre la spada. La mia attenzione focalizzata a turno su ognuna delle figure, su ognuna delle candele, sulle linee del circolo tracciate a terra.
(22.15.56) Darc Storyteller: "Ksirifai!! La eliminerò per te!!!" urla Rosa correndo verso Jodie trasformando le mani in lame.
(22.16.15) Darc Storyteller: "Stupida donna!!" dice De Medici.
(22.16.28) Karl Steiner: "No!!!!!" urlo facendo un passo in avanti allungando la mano verso Rosa come per poterla fermare
(22.17.22) Ardal O'Riley: 'Pessima idea', penso tra me e me.
(22.18.20) Ardal O'Riley: [Mi preparo per un'effetto coincidentale di Life, nel caso Rosa stia per farsi - come credo - molto, molto male. O per una contromagia].
(22.18.22) Darc Storyteller: Marlene scatta verso Rosa ma prima che la raggiunga Jodie alza la mano verso Rosa e dal Circolo e le donne si leva una forza magica che la colpisce.
(22.19.30) Darc Storyteller: Rosa sgrana gli occhi sorpresa mentre comincia a inciampicare vomita liquido cromato e le si sciolgono le braccia. Sembra scossa da violenti dolori.
(22.19.44) Darc Storyteller: Marlene si ferma impressionata
(22.20.06) Karl Steiner: spalanco gli occhi dallo stupore misto a orrore osservando la scena nella stessa posizione con il braccio esteso verso Rosa
(22.20.35) Darc Storyteller: "Le macchine molto complesse tendono...a rompersi" dice con tono ironico Jodie.
(22.20.52) Ardal O'Riley: 'Dannazione, lo immaginavo!' penso tra me e me.
(22.21.15) Darc Storyteller: L'uomo mascherato si accendo una sigaretta col contatto col dito.
(22.21.46) Ardal O'Riley: 'Quanti effetti volgari tutti in una volta sola' continuo a pensare.
(22.22.11) Ardal O'Riley: 'L'aria è come pregante delle scintille della loro magia turpe e irrispettosa per la Natura'.
(22.22.27) Karl Steiner: "Per quanto tempo hai ancora voglia di farti manipolare Jodie!!!" esclamo alzando la voce osservandola
(22.22.30) Darc Storyteller: tutta questa magia non sembra creare paradosso...specialmente quella oscura usata da Jodie
(22.22.55) Ardal O'Riley: [Azz, questo cambia le cose!]
(22.23.11) Ardal O'Riley: [Siamo presso qualche nodo o non posso saperlo?]
(22.24.33) Darc Storyteller: [potresti essere in effetti nei pressi di un nodo ma è anche il paradigma. brutte cose tendono ad accadere di notte nei centri urbani, anche inspiegabili a volte.]
(22.25.07) Ardal O'Riley: [Capisco.]
(22.25.42) Ardal O'Riley: Mi unisco a Karl nello scambio di battute: "Jodie, cosa speri di ottenere!"
(22.25.54) Darc Storyteller: [ nel world of darkness le città fanno più paura di notte]
(22.26.11) Ardal O'Riley: [Non ci avevo mai pensato, ma è vero.]
(22.26.32) Karl Steiner: sento la rabbia montare dentro di me mentre osservo Jodie, l'essere mascherato e Marlene
(22.27.29) Darc Storyteller: "TE!!! Noi siamo destinati a essere insieme. Siamo metà di un'unica anima!" indica Karl.
(22.28.42) Darc Storyteller: "Non lo avrai mai!" dice Corvin con fermezza.
(22.28.45) Ardal O'Riley: Mi rivolgo a Karl stavolta, spostando i miei occhi da sopra alla spada: "Se è vero quello che dice, forse puoi ancora salvarla. Oppure sarà lei a trascinarti nell'Abisso".
(22.29.32) Karl Steiner: osservo Jodie sempre con la rabbia che cerco di tenerla sedata per poi sentire Corvin e sentire un sentimento di paura instillarsi nel cuore "Non dirmi che hai fatto tutto questo solo per avermi!?" dico scettico e col tono adirato
(22.30.09) Ardal O'Riley: Temo che la risposta sia un 'sì'.
(22.30.25) Darc Storyteller: "Mia cara, la nostra transazione sta durando anche troppo. Sei sempre stata preziosa ma non abusare della mia pazienza." dice l'uomo con la maschera con una voce e un tono che ricorda quello di un intellettuale inglese.
(22.30.59) Ardal O'Riley: 'Ah, pure inglese!' penso tra me e me.
(22.31.08) Darc Storyteller: Rosa ora ondeggia con la testa e si accascia di lato. Corvin la guarda sorpreso di vederla così.
(22.31.57) Darc Storyteller: accorre al suo fianco incurante di Marlene che osserva confusa e rabbiosa sia jodie che Karl e gli altri.
(22.32.11) Karl Steiner: "Jodie interrompi questa pazzia! Non corrompere il tuo animo ulteriormente con quell'uomo qualsiasi cosa t'abbia promesso!!!!" faccio un passo in avanti continuando a osserva Jodie
(22.32.34) Ardal O'Riley: Stavo per dirgli io di andare a curarla... Meglio così, ha vinto l'istinto filiare.
(22.33.28) Ardal O'Riley: Mi rivolgo a Karl: "Ricordi le sue parole: lei rimpiange che sia sempre stato tu a decidere. Non è dandole ordini che le farai capire; si intestardirà sempre di più, ricordatelo".
(22.34.21) Darc Storyteller: "Io sto facendo questo per te!!! Ho la verità in mano! La conosco, ed essa va ben oltre la vostra stupida ascensione!!!Siete tutti degli stolti presuntuosi!!!" urla rabbiosa Jodie.
(22.34.22) Karl Steiner: osservo Karl con occhi adirati mentre stringo i denti, forse ha ragione, forse è l'approccio sbagliato
(22.36.21) Karl Steiner: "E cos'è questa verità ? Distruggere tutto il mondo conosciuto ? Porre fine alle nostre vite ? A quelle delle persone a cui teniamo?" la voce tenta di tornare normale mentre parlo ad alta voce per farmi sentire chiaramente
(22.37.04) Ardal O'Riley: "No, Jodie, non hai la verità in mano: noi siamo qua per te! Siamo qua per aiutarti, stai sbagliando. Siamo qua a mettere la nostra vita a repentaglio per salvare il mondo e noi stessi da questa follia che sta dilagando. Il mondo deve pur finire, come dicono le leggende, ma non è questa la via".
(22.37.05) Darc Storyteller: "E' la prima volta che me lo chiedi..." dice sorpresa Jodie.
(22.39.33) Ardal O'Riley: Chieda a me stesso: 'Già, qual è la verità? Svegliarsi la mattina ed andare a scuola: è la verità? Tenere in mano una spada proveniente da ere passate e fronteggiare con essa i servi del male: è la verità? Essere un mago dotato di poteri fantastici: è la verità? Sono Ardal O'Riley: è la verità? Amo Ayame: è la verità? Cos'è la verità? Sono nuvole che lievitano in un cielo di numeri'.
(22.39.52) Karl Steiner: [bella Daniele]
(22.40.08) Darc Storyteller: "E tu che ne sai? La tua ascensione distruggerà questo mondo!!! farà finire la tua famiglia, non esisteranno più! Sei pronto a tradirli?" dice con disprezzo jodie.
(22.40.22) Ardal O'Riley: [C'è un pezzo di una mia poesia. :-)]
(22.40.57) Karl Steiner: "Vuoi spiegarmi questa tua verità Jodie ?" faccio un altro passo in avanti, ben attento a non avvicinarmi troppo a Marlene o al circolo "Sono qui ad ascoltare"
(22.41.50) Darc Storyteller: [bella...è l'ultima frase vero?]
(22.41.58) Ardal O'Riley: "Cara mia Jodie, il punto che io non conosco la Verità, quella con la 'V' maiuscola. Però quando io vedo queste cose che state facendo è come se qualcosa di primordiale si muovesse dentro di me e mi dicesse: 'questo non è il modo' ".
(22.42.18) Ardal O'Riley: *il punto è che [...]
(22.42.26) Darc Storyteller: Ayame abbraccia Ardal forte come se temesse di perderlo
(22.43.08) Ardal O'Riley: Stringo forte Ayame, anche io temo di perderla.
(22.44.07) Ardal O'Riley: [Sì, è l'ultima frase.]
(22.44.40) Darc Storyteller: "Davvero vuoi ascoltarla?..." chiede a Karl, Jodie sembra aver perso ostilità.
(22.45.26) Ardal O'Riley: Decido di tacere: potrei rovinare tutto, viceversa.
(22.45.30) Darc Storyteller: "Non fidarti! vuole fregarti! gli uomini sono tutti così!" urla Marlene.
(22.45.30) Karl Steiner: "Mi hai sempre parlato della tua verità ma non mi hai mai spiegato di cosa tratta" dico osservandola, serio
(22.45.49) Ardal O'Riley: Ogni eroe ha il suo momento e questo non è il mio.
(22.46.00) Darc Storyteller: Corvin scuote Rosa che ora è ridotta in uno stato pietoso...
(22.46.05) Karl Steiner: fulmino Marlene "Fregarla ? A me pare che sia stato qualcun altro a tentare di fregare Jodie o sbaglio ?"
(22.46.41) Ardal O'Riley: 'Non tutti gli uomini, non tutti' continuo a ripetermi.
(22.46.51) Darc Storyteller: De Medici resta immobile. Forse contempla la situazione.
(22.47.28) Karl Steiner: le parole mi escono di getto senza pensare mentre il ricordo della segreta e della mia paura di morire mi fa reagire prima di pensare
(22.47.51) Darc Storyteller: "Non è vero che non te l'ho mai detta... sei tu che sei sempre stato maledettamente sicuro di essere sempre nel giusto..." dice con le lacrime Jodie.
(22.48.07) Ardal O'Riley: Dico a De Medici: "Amico mio, se conosci le vie della Vita, potresti aiutare Rosa a riprendersi dal suo shock fisico: sarebbe un bel gesto di solidarietà in un momento difficile".
(22.48.42) Ardal O'Riley: Penso alle parole di Jodie: 'Quanto potrebbe avere maledettamente ragione!'
(22.49.17) Karl Steiner: "Sono qui per ascoltare Jodie, forse hai ragione, sono sempre stato troppo arrogante" torno a guardarla
(22.49.58) Darc Storyteller: "E mi hai sempre sacrificata per il bene di tutti... o così dicevi. anche Rosa l'hai usata nello stesso modo" Dice jodie con amarezza.
(22.51.45) Darc Storyteller: "Temo che Rosa non sia più umana ed è ben oltre le mie capacità di aiutarla." risponde De Medici ad Ardal.
(22.52.19) Karl Steiner: corruccio la fronte ossevando Rosa e Corvin alle parole di Jodie sentendo la colpa salire nel mio animo, che abbia realmente ragione ? Che sia io la causa della sofferenza ? Torno a guardarla attendendo che prosegua
(22.52.39) Ardal O'Riley: Lo guardo sconsolato: "E' quel che temevo... Non posso fare più niente nemmeno io".
(22.54.01) Darc Storyteller: "Karl l'ascensione è veramente la fine di tutto il mondo come lo conosciamo...in questo hai davvero ragione...e' l'apocalisse...la fine di un ciclo" dice calma e seria Jodie.
(22.55.45) Ardal O'Riley: Sussurro a Karl: "Per i celti alla fine di un ciclo se ne apriva uno nuovo ed il mondo si rinnovava perennemente sulle vie dello 'oiw', una specie di essenza magica che permea tutte le cose. Se questi dissanguano il mondo, però, esso non avrà più la forza per rigenerarsi".
(22.56.18) Darc Storyteller: "Ma c'è una cosa che forse non sai... noi siamo tutti schegge del Creatore. Frammenti del suo essere." continua entusiasta Jodie.
(22.57.07) Ardal O'Riley: Ascolto interessato la nuova teoria di Jodie.
(22.57.31) Darc Storyteller: "Dio non deve venire in terra... è già qui! Siamo noi!" dice gesticolando ed indicandosi
(22.57.32) Karl Steiner: faccio un leggero cenno d'assenso per entrambi continuando ad ascoltare
(22.58.34) Karl Steiner: continuo ad ascoltare Jodie senza battere ciglio
(22.59.25) Ardal O'Riley: Questa esclamazione, per un uomo di tradizione cattolica, come Ardal, suona un po' blasfema. 'Un momento un po' strano per tirare fuori i propri scrupoli religiosi' penso tra me e me, e torno ad acoltare.
(22.59.58) Darc Storyteller: "Se risvegliamo la divinità in tutta l'umanità contemporaneamente possiamo ri generare il creato secondo i nostri desideri!" afferma trionfante Jodie.
(23.00.45) Darc Storyteller: "Capisci cosa voglio dire?" dice Jodie verso Karl.
(23.01.23) Ardal O'Riley: 'Detta così non sembra neanche tanto male' penso dentro di me 'dov'è la fregatura?'
(23.01.24) Darc Storyteller: "L'universo dovrebbe seguire il suo corso naturale." dice improvvisamente De Medici.
(23.01.30) Karl Steiner: "Jodie è vero, potremmo effettivamente avere una scheggia divina in ognuno di noi, d'altronde ci ha fatto a sua immagine e somiglianza" faccio una pausa prima di continuare
(23.02.14) Karl Steiner: "E' vero potremmo creare cose meravigliose.... ma c'è qualcosa che mi fa dubitare di questa bella teoria che somiglia molto ad una speranza di un futuro migliore Jodie" corruccio la fronte dispiaciuto "Sai a cosa stò pensando ?"
(23.02.51) Ardal O'Riley: 'Già, De Medici ha colto nel segno: così si devia dalla Natura. L'universo dei Celti ha continuato a rigenerarsi perché seguiva il suo flusso naturale, se questi drenano parte della sua energia, il cosmo cesserà di esistere e forse non rinascerà mai più'.
(23.02.53) Darc Storyteller: Jodie è perplessa...
(23.03.55) Darc Storyteller: "Quindi se ora ascendiamo perderai senza fiatare la tua ragazza!" dice pungente Jodie verso Ardal.
(23.04.33) Ardal O'Riley: 'O forse no e Jodie ha ragione: la sua prospettiva è così allettante. Io adesso quasi le direi di sì'.
(23.04.39) Ardal O'Riley: La sua osservazione mi blocca.
(23.04.53) Ardal O'Riley: "Cosa intendi dire?" dico, stringendo la mano ad Ayame.
(23.05.09) Karl Steiner: "Jodie puoi rispondere alla mia domanda?" le chiedo calmo
(23.06.05) Darc Storyteller: "Se lasciamo che le cose seguano il loro corso perderai Ayame." poi si rivolge a Karl.
(23.06.34) Darc Storyteller: "non capisco...cosa vuoi dire" dice Jodie verso di Karl
(23.07.34) Ardal O'Riley: Mi giro verso Ayame e la guardo, poi mi rivolto verso Jodie: "La perderei anche col vostro progetto, temo".
(23.07.48) Karl Steiner: "Dachau, Treblinka, il massacro degli indiani negli Stati Uniti, epurazioni di persone innocenti in Unione Sovietica, il maltrattamento delle persone, la voglia di imporsi sugli altri" elenco le malefatte dell'umanità in tono calmo "l'animo dell'essere umano è avido di potere e malevolo" osservo poi la città sotto di noi muovendo un braccio come per abbracciarlo
(23.08.49) Karl Steiner: "cosa pensi che succederebbe se darai all'umanità intera dei poteri divini da poter usare a proprio piacimento ?" corrugo la fronte "Sarebbe la fine di questo mondo, chi è senza scrupoli farà del male a chi non vuole farne, provocherà morte e distruzione"
(23.09.30) Karl Steiner: "miseria e sofferenza cadranno su questo mondo che alla fine scomparirà nel nulla per i danni che gli avremo arrecato... se senza poteri divini abbiamo ucciso indiscriminatamente senza rimorsi.... cosa faremmo col potere di un dio?" la guardo calmo riponendo il braccio lungo il fianco
(23.10.26) Ardal O'Riley: "Forse Karl ha ragione: vi è mai successo di svegliarvi dal un sogno, eccovi, davanti a voi la realtà. Ma covate nel profondo dell'anima un rancore, perché volevate rimanere a dormire, eravata innamorati del vostro sogno. La maggior parte delle persone non è pronta per svegliarsi da un sogno ed accettare la verità per quello che è..."
(23.10.36) Darc Storyteller: "Saranno tutti una cosa sola per una attimo sufficiente a dire 'e luce sia!'. Nessuno farebe male a se stesso." dice Jodie giungendo le mani.
(23.10.58) Darc Storyteller: "mai notato come noi umani facciamo cose impossibili quando agiamo insieme?"
(23.11.55) Darc Storyteller: "Ti prometto che non perderai Ayame. sarà sufficiente che partecipiate al mio rituale" dice Jodie ora rivolta a Ardal
(23.12.28) Ardal O'Riley: Mi giro verso Ayame: "Ayame, tu cosa ne pensi?" Poi mi fulmina l'oscura proposta di Jodie. Rimago immobile e pensieroso.
(23.13.11) Darc Storyteller: "La realtà che avete davanti è il vostro sogno ma è anche un incubo ormai." aggiunge l'uomo in maschera.
(23.13.34) Karl Steiner: rimango silenzioso osservando Jodie, la proposta è allettante ma è la natura stessa dell'animo umano che rende impossibile quella soluzione "Cosa intendi per ... una cosa sola ? E chi è lui ?" dico indicando con un cenno del capo senza guardarlo il tizio in maschera
(23.15.18) Darc Storyteller: "Sono uno sponsor." dice secco l'uomo in maschera.
(23.16.06) Darc Storyteller: "Riporteremo l'umanità alla sua unità. Non saranno più schegge ma un tutt'uno." dice Jodie.
(23.16.46) Darc Storyteller: "Io non ci sto capendo nulla...che ne sarà di me?" dice Karen.
(23.17.34) Karl Steiner: "Uno sponsor ? Gradirei sapere di che tipo" osservo l'uomo in maschera ora
(23.17.53) Darc Storyteller: "Sarò sincera...tu sei dannata e semplicemente cesserai di esistere come un brutto sogno" dice senza pietà Jodie a Karen lasciandola scioccata.
(23.18.22) Karl Steiner: corrugo la fronte sentendo la spietatezza di Jodie
(23.19.20) Ardal O'Riley: Tutte queste rivelazioni metafisiche mi stanno confondendo e non mi convincono del tutto
(23.19.21) Ardal O'Riley: .
(23.19.54) Ardal O'Riley: Al punto che non so nemmeno io più quel che è giusto e quello che è sbagliato. Cos'è la verita?
(23.20.27) Darc Storyteller: "Ma perché...io non volevo essere così..." dice disperata Karen cadendo in ginocchio.
(23.21.08) Karl Steiner: "Jodie in questo modo tu togli la speranza alle persone, togli loro la loro individualità e coscenza, la loro essenza stessa di vivere, ciò accadrà anche a te e a me" dico
(23.21.21) Ardal O'Riley: "Non capisco: ha anche lei un'anima!" dico da girato verso Ayame.
(23.21.24) Karl Steiner: "sempre che non ci sia un qualcosa dopo che ci saremo tutti uniti in un unico spirito"
(23.21.40) Darc Storyteller: "Uno sponsor che ama l'umanità e ciò che rappresenta." risponde l'uomo in maschera
(23.21.44) Ardal O'Riley: "Perché Marlene sta con te, allora?"
(23.22.43) Darc Storyteller: "Perché la faremo tornare umana in cambio dei suoi servigi" risponde l'uomo in maschera
(23.23.18) Darc Storyteller: "Sì, miei signori! Non voglio altro!" dice Marlene buttandosi ai loro piedi
(23.23.24) Ardal O'Riley: "Perché non anche Karen, allora?"
(23.24.02) Karl Steiner: "Ah sì ? Jodie sei sicura di voler trasformare Marlene in un'essere umana?"
(23.25.09) Karl Steiner: punto il dito su Marlene mentre parlo in modo calmo
(23.25.24) Darc Storyteller: "Naturlamente sì!" dice Jodie senza esitazioni
(23.25.40) Darc Storyteller: Marlene sussulta.
(23.26.24) Karl Steiner: "Le ho salvato la sua non vita una volta" la osservai "perchè ero mosso dalla compassione e della pena per lei quando fra le mie mani avevo un sole che la stava lentamente uccidendo ma non ho avuto la forza di sferrare il colpo.... non sono un assassino" faccio una pausa
(23.27.15) Karl Steiner: "Ma con chi attenta alla mia vita quando sono incatenato nelle segrete perchè sono un elemento di disturbo su Jodie, come mi ha detto, mi fa veramente rivalutare le priorità della mia moralità verso di lei" osservo Jodie "Marlene voleva uccidermi fino a poco tempo fa e ci stava anche riuscendo ma per sua sfortuna sono riuscito a salvarmi"
(23.28.21) Darc Storyteller: "No...non è vero!" urla Marlene scuotendo la testa.
(23.28.42) Darc Storyteller: Jodie la guarda con disprezzo.
(23.30.13) Karl Steiner: "Jodie..." dico "Sebbene la disprezzo ha fatto ciò perchè desidera tornare umana e perdere la maledizione che l'affligge"
(23.30.45) Karl Steiner: "La stessa maledizione di Karen e di altre persone che sono state .... trasformate" la guardo
(23.31.07) Darc Storyteller: Karen piange "E' stata lei a rapirmi e trasformarmi! Io non ho deciso di essere dannata! Quale Dio mi vuole infliggere questo senza nessun motivo!"
(23.32.13) Ardal O'Riley: Io che mi scervellavo sul giusto e sullo sbagliato sulle grandi questioni mi ritrovo a confrontarmi con le stesse sulla terra, tra la gente, nelle piccole cose.
(23.32.41) Ardal O'Riley: "Secondo me, se si deve operare una grande fusione di tutte le essenze, è tassativo che tutti ne facciano parte, senza distinzione".
(23.33.13) Ardal O'Riley: "Se tutti siamo discesi da questo grande Creatore, è giusto che tutti torniamo ad esso, senza guardare in faccia nessuno".
(23.33.38) Ardal O'Riley: "Per quanto un padre possa rinnegare il proprio figlio, questi rimarrà sempre il suo legittimo rampollo".
(23.33.38) Darc Storyteller: Marlene trema... perde sangue dalla bocca a getto fino a farne un pozza. si scuote poi si ferma e diventa cenere.
(23.34.24) Darc Storyteller: Jodie da un calcio alla polvere smuovendo alcuni dei vestiti.
(23.34.46) Karl Steiner: nel vedere Marlene cadere e trasformarsi in cenere, la colpa della sua morte comincia a cadermi sulle spalle. Improvvisamente la soddsfazione di fargliela pagare non è così appagante come speravo. "Jodie... perchè l'hai fatto?" dico con la voce dispiaciuta e la fronte corrugata
(23.34.49) Ardal O'Riley: "E che ne è dei morti? Che fine fanno? Che parte hanno in questo progetto?" Osservo il funesto destino di Marlene, con un'espressione grave sulla faccia.
(23.36.25) Darc Storyteller: "Ma non hai capito? Sono sempre le stesse anime che vanno e vengono in viaggio verso la perfezione. Il viaggio prima o poi finisce" dice sprezzante Jodie.
(23.36.58) Darc Storyteller: "L'ho fatto perché non potevo perdonarla... ti ha fatto del male!" dice Jodie a Karl.
(23.37.51) Karl Steiner: corrugo la fronte "E dunque io ti chiedo Jodie.... quale entità potrebbe pensare a un bene superiore se coloro che vogliono fondarla non hanno la capacità di perdonare?"
(23.37.58) Ardal O'Riley: "Se è vero quello che dici, dovrebbero averne parte anche costoro" dico, riferendomi ai vampiri.
(23.38.18) Ardal O'Riley: Questa volta mi trovo decisamente d'accordo con Karl.
(23.38.21) Darc Storyteller: Corvin piange...si abbraccia a Rosa.
(23.39.03) Darc Storyteller: "Quelli sono dannati le loro anime sono perdute..." dice l'uomo in maschera.
(23.40.18) Karl Steiner: "Karen non è perduta" dico secco osservandolo "Se fosse realmente perduta non avrebbe risparmiato Ardal in palestra e mi avrebbe fatto a pezzi quando poteva nelle segrete quando ero indifeso e le stavo parlando" sposto lo sguardo su Jodie "Guardati attorno Jodie, cosa stà succedendo per poter fare questo piano superiore di coesistenza e bellezza per tutti ? Sofferenza, dolore, morte" continuo a pa
(23.40.19) Karl Steiner: *parlare
(23.40.23) Ardal O'Riley: "Sinceramente non ne capisco il motivo: il mondo è pieno di assassini e pazzi che a differenza dei vampiri non sono stati maledetti e non devono bere sangue umano per vivere. Se loro possono fare parte di questo progretto perché non i vampiri?"
(23.41.15) Karl Steiner: "Se tu che sei fermamente convinta del tuo progetto non sai perdonare e offrire una speranza a chi è dannato per sua sfortuna e non scelta.... come pensi che potrà riuscire per altri che non ne sono consapevoli a fare la scelta c he tanto speri venga effettuata ?" la guardo inspirando in agitazione per le argomentazioni trattate
(23.43.27) Darc Storyteller: "La scelta la faremo noi per loro! Noi manterremo coscienza di noi." Jodie risponde sicura e sprezzante
(23.44.17) Darc Storyteller: "ma non capisci che l'ho fatto per te? Risogneremo un mondo migliore. Tu ne sarai architetto! e rinascerempo coscienti in esso." Urla Jodie.
(23.45.04) Karl Steiner: "A discapito di tutti gli altri Jodie? Un paradiso terrestre fatto da noi solo per noi ?" faccio una pausa per poi mormorare "essere Dio"
(23.46.13) Ardal O'Riley: Mi rivolgo a De Medici: "Perché da come lo dice non sembra neanche così male? Cosa c'è di tremendamente sbagliato nelle sue parole? Perché ci siamo battuti per tutti questi secoli? Tu c'eri, ricordi, dimmelo..."
(23.50.18) Darc Storyteller: "Ci siamo battuti perché la magia è uno strumento per capire e raggiungere una consapevolezza più elevata. Essere un arcimago non vuol dire far levitare castelli, ma comprendere il mondo. E' giusto che una persona che non abbia completato questo percorso possa decidere il futuro per tutti?" risponde De Medici.
(23.51.03) Darc Storyteller: "Certo! per noi! Non ce lo siamo meritati?" urla frustrata Jodie.
(23.52.53) Ardal O'Riley: Mi rivolgo a De Medici: "Hai ragione amico mio; come succede sempre è l'allievo che finisce per insegnare al maestro. Noi ci siamo battuti per arrivare a dare ad ognuno questa consapevolezza, per farla maturare dal di dentro. Quello per cui noi ci siamo battuti - stavolta mi rivolgo a Jodie - è far sì che quello che tu ora stai preparando come una violenza, sbocciasse automaticamente nel cuore dell'umanità".
(23.54.52) Ardal O'Riley: "Solo allora l'umanità, forse tutto il creato, sarà maturo per unirsi nella sua essenza primordiale".
(23.54.55) Karl Steiner: "Non hai mai pensato cosa comporti tutto ciò ?" faccio uan breve pausa , il volto pensieroso corrucciato dal dilemma "Io non sono uno che ucciderebbe un'intera razza per i miei semplici bisogni Jodie" la guardo "Non voglio sacrificare delle persone innocenti per questo progetto... mi darebbe un paradiso e un potere inimmaginabile... ma non lo voglio"
(23.55.25) Karl Steiner: la guardo "Io voglio che tu sia felice Jodie e se posso farlo senza questo progetto, sono pronto a farlo"
(23.55.41) Karl Steiner: "Perchè sono convinto che vi sia sempre una via alternativa a ogni tipo di situazione"
(23.55.57) Darc Storyteller: "Possiamo rifare il mondo come adesso ma migliore!" dice disperata Jodie.
(23.56.25) Ardal O'Riley: "No, noi lo stiamo già facendo migliore; non c'è bisogno di rifarlo".
(23.57.07) Ardal O'Riley: "Il mondo è in continuo divenire, perché resettarlo proprio ora che è sul più bello?"
(23.57.15) Karl Steiner: Osservo l'uomo in maschera cercando di carpire qualche dettaglio che possa aiutarmi a farmi capire chi sia
(23.58.29) Ardal O'Riley: "Il mio non è accanimento terapeutico, non è desiderio di una madre per un nuovo bambino; io sono l'uomo del pronto soccorso che pratica la respirazione artificiale alla più bella ragazza che abbia mai visto e che sta morendo".
(23.59.00) Darc Storyteller: L'uomo porta una strana runa sulla maschera... l'ambiente si deforma e la sua ombra si allunga rivelando ali larghe e nere e corna.
(0.00.05) Darc Storyteller: "Il tuo tempo sta finendo ancora, mia cara." dice secco l'uomo in maschera a Jodie.
(0.00.32) Karl Steiner: faccio un passo indietro terrorizzato "No.... non è possibile" dico spalancando gli occhi
(0.00.37) Darc Storyteller: "Sta zitto!!!" gli urla lei.
(0.02.07) Darc Storyteller: "Non ho bisogno di ricordarti del nostro contratto. Ti concedo lo sfogo. L'ira e la superbia sono i miei peccati preferiti" dice l'uomo in maschera per tutta risposta.
(0.02.46) Darc Storyteller: scuote un po' la sigaretta per far cadere la cenere.
(0.03.22) Ardal O'Riley: "No, Jodie, non posso accettare la soluzione che mi proponi".
(0.03.26) Karl Steiner: cerco di riguadagnare il controllo delle mie emozioni anche se a malapena stento a riuscirci "Jodie.... quello è un...." lo indico mentre dentro di me cerco d'aggrapparmi con disperazione alla fede nel Signore
(0.05.09) Darc Storyteller: "Non sono qui per te...è inutile che tu ti rivolga a Lui" dice l'uomo in maschera.
(0.05.55) Darc Storyteller: "PErché non volete ascoltarmi... perché ho sbagliato. Io ho fatto tutto con le migliori intenzioni!" dice Jodie mettendosi le mani nei capelli.
(0.06.05) Darc Storyteller: L'uomo con la maschera ridacchia
(0.06.41) Karl Steiner: "Jodie... cosa gli hai promesso e cosa gli hai richiesto?!"
(0.06.43) Darc Storyteller: "L'inferno è lastricato di buone intenzioni, mia cara." dice sogghignando.
(0.06.46) Ardal O'Riley: "Jodie, se l'hai fatto con le migliori intenzioni, ti capisco. Abbiamo tentato di aiutarti. Lasciati aiutare. Vieni tra di noi e ti riprenderemo come una dei nostri".
(0.07.57) Karl Steiner: sentendo la voce del demone riparlare sento la paura trasformarsi poco per volta in rabbia "Cosa le hai promesso demone!? Cosa le hai dato!?"
(0.08.13) Ardal O'Riley: Temo di conoscere la risposta.
(0.08.33) Darc Storyteller: "Puoi anche andare da loro ma tanto ormai sai bene che non cambierà nulla. Non è mai cambiato." dice l'uomo con la maschera aspirando la sigaretta.
(0.10.33) Ardal O'Riley: "Ti sbagli: qualcosa è cambiato, per me almeno".
(0.10.56) Darc Storyteller: "Io ti posso uccidere!!!" Jodie urla lanciando spire magiche entropiche contro l'uomo con la maschera. Non sortiscono effetto. Scioglie gli incantesimi senza difficoltà e senza nemmeno scomporsi.
(0.11.29) Ardal O'Riley: "Jodie, non sei destinata ad un futuro oscuro. Sei artefice del tuo destino: non cedere alla tua parte peggiore".
(0.12.04) Darc Storyteller: uomo con la maschera guarda l'orologio del suo cellulare.
(0.13.21) Darc Storyteller: "Mi dispiace...davvero...se non accettate tutto questo io non ho altro da offrire." dice Jodie lasciando cadere le braccia sui fianchi.
(0.13.49) Karl Steiner: "COSA GLI HAI DATO?!" urlo facendo dei passi verso Jodie
(0.14.06) Ardal O'Riley: "Jodie, puoi offrirci te stessa, la tua amicizia, la tua sincerità, il tuo sostegno. Io l'ho voluta, la voglio ancora. Mi sto battendo per salvarti".
(0.14.40) Darc Storyteller: "Mi chiedo solo se sia giusto e se questa è davvero la cosa migliore. In realtà io non avrei mai visto il nuovo mondo che avreste creato...Non ci sarei stata perché gli appartengo." lascia cadere le braccia sui fianchi.
(0.15.21) Ardal O'Riley: "Perché non gli appartieni?"
(0.15.48) Darc Storyteller: "Non è evidente, ksirifai? Cosa mi abbia dato?" chiede l'uomo con la maschera.
(0.16.06) Karl Steiner: "NO!!!" urlo "RESCINDI IL CONTRATTO!! Annullalo ridalle la sua vita!!" esclamo guardando l'uomo in maschera
(0.16.46) Ardal O'Riley: 'Fosse soltanto la sua vita...' penso tra me e me, un po' tristemente, ma non ancora rassegnato.
(0.17.01) Karl Steiner: [ovvio che per vita intendo anima]
(0.19.51) Darc Storyteller: "E cosa mi daresti per la sua?" Esclama l'uomo in maschera. "NOOO non dargli retta!!! Non dare nulla!!!" risponde Jodie.
(0.20.16) Darc Storyteller: Jodie afferra per la giacca l'uomo in maschera scuotendolo.
(0.20.45) Ardal O'Riley: 'Io sarei disposto a combattere per lei', penso.
(0.21.39) Darc Storyteller: Un lampo attraversa Jodie trapassandola. "Muori...Stupida idiota!" dice con disprezzo Rosa.
(0.22.02) Ardal O'Riley: "Nooo!" esclamo.
(0.22.23) Darc Storyteller: Rosa si rialza piano mentre Corvin si accascia di lato.
(0.22.27) Karl Steiner: osservo Jodie mentre viene illuminata da qualcosa "NOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO" urlo mentre mi getto in avanti
(0.22.28) Ardal O'Riley: 'Perché deve sempre andare a finire così?!?
(0.22.40) Ardal O'Riley: '
(0.23.20) Karl Steiner: corro verso Jodie più velocemente hce posso
(0.23.45) Darc Storyteller: "Era proprio ora" dice l'uomo in maschera guardando l'orologio del cellulare mentre Jodie scivola a terra con la schiena fumante.
(0.24.22) Ardal O'Riley: Mi giro verso Ayame: "Scusami, ma non lo lascio da solo a combattere".
(0.24.25) Darc Storyteller: Karl raggiunge Jodie stesa a terra.
(0.24.47) Karl Steiner: la prendo rialzandola e facendole sostegno "Jodie... Jodie ti prego rispondimi"
(0.24.50) Darc Storyteller: "nemmeno io" Dice Ayame annuendo.
(0.24.58) Ardal O'Riley: Avanzo per tenermi pronto ad intervenire: voglio vedere come si sviluppa la faccenda.
(0.26.02) Karl Steiner: le lacrime cominciano a inumidirmi gli occhi
(0.26.12) Darc Storyteller: Rosa si china su Corvin e si mette una mano sulla fronte sofferente "Perché non gli ho mai detto che gli volevo bene?..."
(0.26.50) Ardal O'Riley: Mi rivolgo a Rosa: "Perché l'hai fatto? E che ne è di Corvin?Lui stava bene, prima".
(0.27.03) Darc Storyteller: Jodie non risponde a Karl
(0.27.42) Darc Storyteller: Rosa si gira infuriata verso Ardal.
(0.28.03) Karl Steiner: "Non scherzare avanti" dico mentre la scuoto piano "svegliati" le lacrime cominciano a scendere
(0.30.25) Darc Storyteller: "E' morta. Ma io l'ho con me, mio caro ksirifai. anche questa esperienza plasma la sua avatar. E' un piacere modellarla secondo i miei bisogni. Sono sicuro che la prossima volta potrebbe andare in modo diverso." l'uomo con la maschera sogghigna tirando con la sigaretta.
(0.31.15) Darc Storyteller: "Sappi che ha fatto tutto questo nella reale convinzione che tu la abbracciassi e fuggiste insieme nel mondo che avreste creato."
(0.31.25) Karl Steiner: volgo lo sguardo furente verso il demone mentre tengo Jodie
(0.31.34) Darc Storyteller: "ovviamente alla fine ha realizzato quanto si sbagliasse"
(0.32.16) Ardal O'Riley: Passo oltre Rosa, vado verso Karl e lo fiancheggio davanti al demone.
(0.32.24) Darc Storyteller: "Mio figlio mi ha dato tutto per salvarmi...e si è spento per sempre..." dice Rosa.
(0.32.32) Ardal O'Riley: "Non mi stpisce: le tue menzogne erano veramente allettanti e credibili".
(0.32.57) Ardal O'Riley: Prima di passare oltre, annuisco comprensivo al gesto eroico ed altruistico di Corvin.
(0.32.58) Darc Storyteller: "Avrei dovuto perdonarla? NO!" dice Rosa
(0.33.03) Karl Steiner: scuoto il capo "Ridalle l'anima.... ridalle ciò che le hai preso e riprenditi ciò che le hai dato... RIDAGLIELO!!!" urlo con le lacrime che scendono copiose
(0.33.16) Karl Steiner: [presumo di non sentire Rosa, o la sento ?]
(0.33.42) Darc Storyteller: [sì che si sente...]
(0.34.37) Darc Storyteller: "Non puoi accampare diritti a meno di non entrare in contratto con me" rispode l'uomo in maschera.
(0.35.04) Ardal O'Riley: "Niente contratti per ora, dicci piuttosto chi sei veramente".
(0.35.29) Karl Steiner: sentendo le parole di Rosa sento la mia coscienza piegarsi sotto il peso della responsabilità , del dolore, della rabbia mentre piango
(0.35.56) Darc Storyteller: "Ma come? Non è evidente chi io sia? Ad ogni modo ormai è alquanto tardi e inutile per me siffermarmi qui." dice con clama
(0.36.42) Ardal O'Riley: "Cosa vuoi fare, ora?" dico alla figura oscura e mascherata.
(0.36.42) Karl Steiner: "Dimmi almeno il tuo nome" lo guardo con le lacrime che scendono
(0.36.59) Darc Storyteller: Le donne ammantate scompaiono sciogliendosi in cenere.
(0.38.31) Darc Storyteller: "Jadrax" sussurra. quando lo dice le luci vacillano per diversi istanti e le ombre si allungano. Alcuni vetri si incrinano.
(0.39.28) Darc Storyteller: C'è qualcosa nella sua figura che lo fa sembrare irraggiungibile
(0.39.55) Ardal O'Riley: "Cosa volevi ottenere da questo? Cosa volevi ottenere?"
(0.40.00) Karl Steiner: stringo il corpo di Jodie al petto mentre continuo a piangere cercando di non emettere suoni
(0.42.22) Darc Storyteller: "Ah ah ah ah. Se cambiavate il mondo io ne sarei stato il serpente. Altrimenti avete raffinato ulteriormente la sua avatar per i miei scopi. Dopotutto la vostra amicizia e i buoni sentimenti non l'hanno salvata ma l'hanno messa nei guai in primo luogo." dice sarcastico Jadrax
(0.43.22) Darc Storyteller: "Sono sicuro che ci rivedremo..." dice con un inchino.
(0.43.31) Ardal O'Riley: "Potrà anche essere vero, ma non l'abbiamo lasciata da sola nel mometo del biosgno".
(0.43.44) Ardal O'Riley: "Lei per noi vale, perché è lei".
(0.43.45) Darc Storyteller: Scompare come un brutto sogno.
(0.44.13) Karl Steiner: appena il demone scompare, prendo il corpo di Jodie e lo alzo facendomi carico del suo peso. Silenzioso, scuro in volto.
(0.44.59) Ardal O'Riley: Capto la sofferenza del mio amico, e decido di non dire niente, anche perché non saprei cosa dire.
(0.45.45) Darc Storyteller: il luogo dove vi trovate adesso sembra un posto alquanto banale e noioso...non c'è più quella sensazione opprimente di pericolo imminente...
(0.46.27) Karl Steiner: "Quanto bisogna soffrire per vivere ?" mi volto osservando il corpo di Corvin "Perchè sento che ho fatto la scelta giusta ma non ne sono contento ?" le lacrime cadono
(0.46.57) Ardal O'Riley: "Amico mio, a volte bisogna strapparsi il cuore per salvare quello che si ama..."
(0.47.03) Darc Storyteller: inavvertitamente il sole sorge all'orizzonte come se il tempo fosse impazzito.
(0.47.28) Ardal O'Riley: "Karen, vai dentro, fuggi, prima che il sole ti prenda" urlo.
(0.47.31) Darc Storyteller: [un effetto del paradosso dovuto alla presenza di jadrax]
(0.47.51) Darc Storyteller: Karen si ritira all'ombra
(0.49.10) Karl Steiner: osservo Corvin e poi Rosa "Dimmi che potrai farlo tornare in vita" la voce è cupa
(0.50.14) Darc Storyteller: Rosa chiude gli occhi "io non lo so...ma mi ha lasciato un vuoto...non credevo potesse succedere"
(0.50.46) Ardal O'Riley: Dico a Rosa: "Bene allora hai già vinto. Anche Corvin ha imparato che non può soffocare le sue emozioni".
(0.50.57) Ardal O'Riley: "Il suo dono più grande è stato questo, credo".
(0.51.11) Karl Steiner: "Lui ti voleva bene ed era per me un amico....se non c'era lui sarei morto" lo osservo pensando al fatto che era anche mio figlio
(0.53.38) Darc Storyteller: Rosa resta in silenzio...
(0.54.13) Ardal O'Riley: [Ayame dov'è?"
(0.54.15) Darc Storyteller: Contempla le parole di Ardal
(0.54.15) Ardal O'Riley: ]
(0.54.43) Darc Storyteller: Ayame è un po' confusa dagli accadimenti ma a fianco di Ardal
(0.54.57) Darc Storyteller: Sembra stordita
(0.55.11) Ardal O'Riley: Mi stringo ad Ayame e le sussurro: "Mi dispiace di non aver potuto fare niente".
(0.55.42) Ardal O'Riley: Tutto d'un tratto ho perso la mia sicurezza. Adesso sono forte davanti agli altri, ma dentro di me contemplo i postumi del mio fallimento.
(0.56.34) Darc Storyteller: "Lo stesso penso io... praticamente non sapevo cosa fare. Quell'essere era immenso anche di aspetto umano..." risponde lei.
(0.57.14) Ardal O'Riley: La abbraccio sincero.
(0.57.27) Karl Steiner: faccio qualche passo in avanti verso l'uscita col corpo di Jodie fra le braccia, silente, il pianto che si assopisce poco per volta. Il fallimento grava sulle mie spalle ancora una volta.
(0.57.39) Darc Storyteller: "Avete fatto le vostre scelte. Quelle vi hanno cambiato." afferma De Medici.
(0.58.32) Ardal O'Riley: "C'è saggezza nelle tue parole: peccato che abbiamo migliorato poco la situazione, ed ora ci ritroviamo a piangere due morti".
(0.58.55) Darc Storyteller: [andiamo all'epilogo? o dovete fare altro?]
(0.59.00) Ardal O'Riley: "O forse ci stiamo sbagliando, ed in realtà abbiamo vinto una grande battaglia e ci stiamo preparando per la guerra".
(0.59.05) Ardal O'Riley: [Andiamo pure.]
(0.59.48) Karl Steiner: osservo Karen "Karen se posso... cercherò di trovare un modo per toglierti la maledizione.... ho un debito nei tuoi riguardi" la voce è sempre cupa, mentre esco [per me ora è ok passare oltre]
(1.00.49) Ardal O'Riley: "Già - annuisco alle parole di Karl - tu per me non sei come gli altri, me l'hai dimostrato con le tue azioni. Anche se dovesse essere difficile vorrò provarci".
(1.01.14) Ardal O'Riley: "D'altronde chi non si cimenta è perdente per natura".
(1.02.06) Darc Storyteller: Karen restasorpresa dalle loro affermazioni mentre si nasconde in penombra...poi sorride felice. "Grazie di cuore..."
(1.03.08) Ardal O'Riley: "Di niente, ci si aiuta tra irlandesi, maghi o vampiri che si sia".
(1.03.18) Ardal O'Riley: Le faccio l'occhiolino, come mia vecchia abitudine.
(1.04.05) Darc Storyteller: Passano alcuni giorni.
(1.06.05) Darc Storyteller: Karen promette di nutrirsi senza uccidere le vittime e di darsi restrizioni agendo secondo morale.
(1.06.50) Darc Storyteller: Rimane nei paraggi di Ardal e Karl, cercando di frequentarli come se fosse una loro coetanea.
(1.07.37) Darc Storyteller: Entrambi KArl e Ardal notano che sembra mantenere le promesse fatte.
(1.07.48) Karl Steiner: [bene... via humanitas asd]
(1.08.24) Darc Storyteller: Connie torna a sorridere e sembra superare la sua crisi.
(1.08.58) Darc Storyteller: Per il momento è sotto tutela della famiglia di Karl che hanno preso a cuore la sua situazione.ù
(1.09.44) Darc Storyteller: Connie è sempre più vicina a Karl tanto che tutti li considerano una coppia.
(1.10.06) Ardal O'Riley: [Con la gioia di Ardal!]
(1.10.54) Karl Steiner: [Yuhuuuu]
(1.12.01) Darc Storyteller: Ardal si mette ufficialmente con Ayame
(1.13.23) Darc Storyteller: Rosa scompare per tornare con il corpo di Corvin ad Athochtonia
(1.14.07) Darc Storyteller: De Medici viene spostato nel museo di storia di Denver.
(1.14.39) Darc Storyteller: viene esposto insieme ad una riproduzione fedele della giacchetta di Fonzie.
(1.14.46) Karl Steiner: [LOL]
(1.15.02) Ardal O'Riley: [lol Ogni tanto andrò a trovarlo per parlargli assieme]
(1.15.34) Ardal O'Riley: [Alla giacchetta di Fonzie intendevo, naturalmente lol]
(1.15.55) Karl Steiner: [stò morendo Francesco lol]
(1.16.19) Darc Storyteller: [XD]
(1.17.07) Darc Storyteller: In città torna la calma e la cosa sembra riflettersi su tutta i livelli della vita cittadina.
(1.17.16) Darc Storyteller: nessuno se ne accorge davvero
(1.17.31) Darc Storyteller: ma chi sa dove guardare se ne rende conto.
(1.18.46) Karl Steiner: [meglio il professore rientra dal suo viaggio poi ?]
(1.19.05) Ardal O'Riley: [Giusta osservazione.]
(1.19.46) Darc Storyteller: Del professor Garrison non si sente parlare per il momento ma questa sarà un'altra storia.