Druid, Il cerchio di funghi – Capitolo I: Beltane

30 aprile


Sia Klaive Mjollnir (il nano guerriero) che Alastor Tharvienan (l'elfo cacciatore) giungono alla Collina del Tronco Sfrondato, verso le 19:00, accompagnati ciascuno dal druido e dalla ragazza che rappresenta il colore del rispettivo clan, per festeggiare la festa dei Fuochi di Bel (Beltane). Il bardo del clan ospitante di quest'anno, il Cleddyv Deargh (la Spada Rossa), li saluta con le seguenti parole: "Benvenuti alla festa di Bel, la festa della Vita; assistete con noi al prodigio della Grande Madre...". Gli eroi vengono accolti da amici, conoscenti e parenti, all'arrivo nell'accampamento di tende concentriche, situato ai piedi della collina, e ricevono e scambiano con essi regali portati apposta per l'occasione. Vengono altresì invitati a banchettare, ma non prima di sistemare le loro tende, che finiscono di piantare verso le 20:00. L'abbondante banchetto dura per molte ore, finendo alle 24:00. E' presente carne di cinghiale, vino e birra in gran quantità, oltre che un nutrito numero di compagni coi quali fare baldoria.


1 maggio (Beltane)



All'uscita dalla tenda del grande banchetto, in molti si trovano per parlare, bighellonare e dare vita ai prefesteggiamenti in attesa dell'alba, momento nel quale avrà inizio la cerimonia vera e propria. Alle 5:00 arriva il primo dei tre squilli di tromba, suonati ad intervalli di mezzora, che segnano l'imminenza del prodigio del Tronco Sfrondato; nel frattempo l'eccitazione collettiva sale sempre più. Alle 6:00 giunge il terzo squillo; i druidi salgono in processione alla collina ed adornano il Tronco Sfrondato con una ghirlanda di fiori, mentre il primo raggio del nuovo giorno colpisce la bizzarra pianta e l'assemblea osserva solenne. Subito essa prende a fiorire magicamente, ed il miracolo che si verifica ogni anno scatena la sarabanda di balli, canti e festeggiamenti. L'obiettivo di tutti è quello di farsi notare e venire scelti come campioni per i giochi dalla ragazza del clan ospintante, Llara an Cleddyv, la figlia del capo del clan della Spada Rossa, il che è considerato un grande onore per tutti i partecipanti. In capo alle 7:00, quando i balli finiscono, sia Klaive che Alastor vengono scelti da Llara, chi per la prestanza fisica chi per il bell'aspetto. Assieme a loro ci sono alri quattro campioni: Amish (un nobile guerriero umano), Logan (un mercenario umano), Duncan (un erborista umano) e Tyrm (un bardo halfling). Tutti fanno le presentazioni e decidono a quale sfida partecipare: Amish va al duello, Logan alla lotta, Duncan al gioco dei re (una specie di scacchi), Tyrm alla sfida delle canzoni, Klaive al lancio del tronco e Alastor al tiro al bersaglio. Sia il nano che l'elfo riescono a vincere, il primo arrivando in finale con un nano del suo clan - Grog - il sencondo con un elfo solitario e misterioso. Tuttavia la loro vittoria appare bizzarra (perlomeno a loro), perché giunta col favore degli dèi in situazioni che sembravano disperate ed ormai perdute. Anche i loro compagni Amish e Duncan vincono le rispettive specilità.
Alle 9:00 comincia il grande gioco della caccia, alla quale tutti partecipano, introdotto da Afgan, druido della Spada Rossa, con le seguenti parole, provenienti dal poema dedicato al mitico eroe Broegam Greg, vissuto prima che la Grande Onda si abbattesse sull'Annwyn: "Il Ponte delle Stelle ho varcato, sul Lago del Sole ho navigato, i Monti Proibiti ho scalato, per te, per incontrarti e portarti il mio trofeo...". Lo scopo è portare, entro il tramonto, la preda più bella, continuando a cacciare per tutta la giornata. Llara stessa si complimenta con i suoi Nastri (i suoi campioni) per il grande successo nelle sfide precedenti, gli fa gli auguri per la presente e gli fornisce gli archi e le lance necessari per cacciare. Quando il gioco ha inizio, i Nastri rossi si dividono in coppie, per riuscire a prendere più prede possibile: Amish con Duncan, Logan con Tyrm e Klaive con Alastor. Il nano e l'elfo si sopportano a fatica, in onore della proverbiale rivalità tra le due razze, ma riescono a catturare un cinghiale di taglia media con notevole facilità. Dopo averlo portato all'accampamento, decidono di mettersi in cerca di ulteriore cacciagione: stavolta trovano la pista di un ginghiale molto più grosso e lo trovano assopito nella sua tana. Il tentativo di Alastor di prenderlo con una trappola fallisce, perché, inevvertitamente, provoca dei rumori che svegliano l'animale; tuttavia riesce a ferirlo ed infine a catturarlo, grazie alla sua maestrìa con l'arco, mentre Klaive si ferisce allorché la sua lancia si rompe.
Sono le 10:00 ed i due caricano il cinghiale, pronti a fare ritorno all'accampamento, ma un canto, accompagnato dal suono ammaliante di un'arpa, proveniente dal bosco, attira la loro attenzione: "Bene, ecco i nostri cacciatori: ora sono più che altro delle prede in pericolo, un pericolo non cercato, badate bene, ma nato con loro, intessuto nel wyrd... un fardello pesante". Chi sarà mai? E cosa vorrà dire?