34a SESSIONE :: Scendere a patti col minotauro ::

Portale nord di Kayolin-ingresso al complesso di templi montani, Linaras 27 Paleswelt 422 AC (Solinari calante 7, Lunitari nuova 5, Nuitari nuova 1)

La decisione presa dal party è quella di dirigersi alla fine del corridoio principale delle miniere, oltre l'unico portellone che non hanno ancora aperto e che sembra condurre in un'altra area dei magazzini.
La stanza che si staglia dopo il portellone è di forma circolare. Alcune travi di legno, a rinforzo del soffitto, sono cedute e spezzate, come se qualcuno le avesse colpite e divelte con forza sovrumana. Al centro della stanza si trova un perno-pilastro in pietra, collegato ad un ingranaggio azionato a mano, per spinta. Ad esso è vincolato, mediante una catena metallica che risplende di una luce rossastra, un essere gigante: un minotauro trasandato e seminudo, con un pezzo di trave lignea tenuta minacciosamente in mano.
Per iniziativa di Sigmund, il gruppo inizia una conversazione "diplomatica" con la creatura, venendo a sapere che essa è stata imprigionata dai goblin, dopo essere passata di mano dai nani, che la usavano come gladiatore in un'arena sotterranea. Ora la sua nuova mansione è quella di azionare manualmente l'ingranaggio dell'elevatore che conduce al piano di sotto. Egli dice, altresì, di chiamarsi Tulkas "Braccioforte" de-Droka (l'attuale famiglia imperiale dei minotauri!) e di essere stato sconfitto ed imprigionato, tramite le catene magiche che porta, dal generale di questa parte dell'esercito dei goblinoidi: un draconico sivak dal temibile nome di Wyrmstrider.
Tulkas si offre di far scendere i personaggi al piano di sotto, a patto che loro si rechino da Wyrmstrider, lo sconfiggano, prendano le chiavi delle catene che vincolano il minotauro ed il suo equipaggiamento trafugato e tornino a liberarlo. Piuttosto che rimanere imprigionato là, morirebbe combattendo fino all'ultimo sangue contro gli eroi.
Il party, dopo un momento di discussione sul da farsi - pensando che scendere in mezzo ai nemici, allo stato attuale delle cose, sarebbe un semisuicidio, ma non avendo altre soluzioni se non quella -, decide di accettare la soluzione prospettata da Tulkas.
Tulkas indica al gruppo la direzione da seguire per giungere ad un sistema di grotte naturali, che si apre verso la metà della valletta: là si trova un complesso di due templi, uno dedicato a Zeboim, l'altro a Sargonnas. Là Wyrmstrider tiene il suo quartier generale.
Il gruppo lascia il portale nord di Kayolin a Buiaveglia discendente, 15 (02:15) e raggiunge un'apertura nella roccia montana, che può essere assimilata all'entrata del complesso di grotte nominato da Tulkas, verso Preveglia (04:00).
Arlens decide di andare in avanscoperta, sfruttando le sue doti di invisibilità, e ritorna dal gruppo dicendo che le sentinelle stanno rumorosamente giocando a dadi. Perciò si opta per un'imboscata da sferrare al di fuori della grotta, per non attrarre troppe attenzioni.

:: PRESENZE :: Arlens, Cassandra, Sigmund, Silverwolf, Ulfgar